2012

 



9 GENNAIO
inizia il progetto definitivo che dovrà essere ultimato entro 12 mesi.

 


30 GENNAIO
I governi italiano e francese firmano a Roma il protocollo addizionale al trattato di Torino del 2001, che sarà sottoposto ai parlamenti dei due Paesi per la ratifica. Il nuovo accordo sancisce le modifiche del tracciato, in particolare sul versante italiano, definisce le opere che verrano realizzate in una prima fase dal 2013 al 2023, ed identifica le modalità di governance del progetto e, in particolare, del futuro promotore pubblico che avrà il compito di realizzare la sezione transfrontaliera.
Il nuovo accordo conferma anche, come parte della prima fase, la ripartizione dei costi della sezione transfrontaliera: circa € 8,5 miliardi divisi tra Francia (42,1%), Italia (57,9% ) e UE che potrebbe coprire il finanziamento restante, pari al 40% del costo complessivo.
Infine, l'accordo stabilisce i principi adottati da entrambi i governi per il trasferimento modale per il traffico transalpino.

icona_pdf Carta Sezione Transfrontaliera

icona_pdf Documento Trasferimento Modale

 


3 FEBBRAIO
E' on line il nuovo blog interattivo ed informativo sulla linea di LTF all'indirizzo http://blogtorinolione.ltf-sas.com/

 


2 MARZO
Il Presidente del Consiglio Mario Monti interviene personalmente sul collegamento ferroviario ad alta velocità Torino-Lione con un discorso  televisivo alla nazione. (Guarda il video)

icona_pdf Dichiarazioni alla stampa del Presidente Monti al termine della riunione sui lavori di realizzazione della Torino-Lione.

 


5 MARZO
Alla vigilia della seconda riunione della Piattaforma sulla Torino-Lione di Chambéry, il Coordinatore europeo J.L. Brinkhorst partecipa a Torino ad un incontro in Prefettura con i vertici di Regione, Provincia e Città di Torino e rinnova il pieno sostegno dell'Unione Europea alla realizzazione della nuova linea.

icona_pdf Comunicato stampa Prefettura di Torino

 


 

14 GIUGNO
Transpadana organizza al Parlamento europeo a Strasburgo una riunione informativa sulla nuova linea ferroviaria Torino – Lione, destinata ai parlamentari di varie nazionalità coinvolti nel processo decisionale relativo alle nuove priorità infrastrutturali della “Rete Centrale” e al loro finanziamento nel prossimo periodo budgetario 2014-2020. Il Comitato Transpadana ed il Comité pour la Transalpine hanno esposto ai parlamentari europei i vantaggi del progetto per la crescita economica, l’occupazione e la salvaguardia dell’ambiente grazie al trasferimento dei traffici alpini dalla strada alla ferrovia.

Presentazioni al Parlamento Europeo:

icona pdf Italiano

icona pdf English

icona pdf Français

 


18 SETTEMBRE

Viene presentato il progetto della nuova stazione internazionale di Susa, progettata dall’architetto giapponese Kengo Kuma, vincitore di un concorso internazionale che ha visto la partecipazione di 170 studi di ingegneria ed architettura di varie nazionalità uniti in 49 raggruppamenti. 

icona_pdf Progetto della nuova stazione internazionale di Susa

 


9 NOVEMBRE
Transpadana partecipa a Parigi presso il Senato della Repubblica francese ad un incontro tra alcuni parlamentari francesi, italiani ed europei per ribadire l’impegno comune a favore della nuova linea Torino-Lione. Dalla riunione scaturisce un appello al Presidente della Repubblica ed al primo Ministro francese affinché la realizzazione del tunnel ferroviario sotto le Alpi, conditio sine qua non per lo sviluppo del trasporto merci su ferrovia, sia al centro del vertice italo-francese del 3 dicembre, che sono rispettivamente secondo partner economico uno dell’altro, con scambi commerciali che nel 2011 hanno raggiunto i 77 miliardi di Euro.

icona_pdf Appello al Presidente della Repubblica francese

 


30 NOVEMBRE
Transpadana organizza a Torino, alla vigilia del Summit Italia Francia di Lione del 3 dicembre, un incontro tra i propri soci piemontesi e il Consiglio di Amministrazione del Comité pour la Transalpine, cui partecipano 31 parlamentari piemontesi ed europei ed un parlamentare francese. E’ l’occasione per rinnovare il pieno sostegno alla nuova linea Torino-Lione da parte del mondo economico, politico ed istituzionale delle due Regioni coinvolte. Durante la riunione viene predisposta una lettera-appello al Presidente del Consiglio Mario Monti in vista del vertice.

icona_pdf Lettera Appello ai parlamentari italiani

 


3 DICEMBRE
Si svolge a Lione il vertice bilaterale in cui viene Francia ed Italia confermano l’interesse strategico del progetto relativo al nuovo collegamento ferroviario fra Torino e Lione,  un’infrastruttura prioritaria non soltanto per i due Paesi, ma per l'Unione Europea nel suo insieme ed adottano una dichiarazione separata su questo tema.

icona_pdf Dichiarazione Italia-Francia 3 dicembre 2012

 


DICEMBRE
La legge di stabilità 2013 assegna 2900 milioni di Euro complessivi alla linea: 840 dal 2013 al 2015 e 2100 dal 2016 al 2029.