Cronologia
    
2017 2016
2015
2014
2013
2012
2011 2010 
2009
2008
2007 2006
2005 2004
2003
2002
2001 2000
1999

2009

LUGLIO

Il CIPE, mediante Delibera 31 luglio 2009 n. 71 (G.U. n. 29/2010), approva il progetto definitivo dell’“Asse ferroviario Monaco — Verona. Galleria di base del Brennero”, il cui limite di spesa è stato indicato, per la parte di competenza italiana, in 3.575 milioni di Euro, pari al 50 per cento del costo totale dell’opera, e con la quale ha autorizzato la contrattualizzazione dell’intera opera per lotti successivi costruttivi non funzionali.

Sono previste spese per 260 milioni per studi, opere geognostiche e cunicolo esplorativo, per 2.215 milioni per opere civili principali, per 535 per opere tecnologiche e attrezzaggio ferroviario, e per 565 milioni per costi di management e riserve per imprevisti. Sono indicate risorse disponibili per 712,3 milioni di Euro, di cui:

  • 45 milioni di Euro assegnati con la delibera n. 89/2004 a valere sul 4° limite di impegno previsto dall’articolo 13 della legge n. 166/2002, come rifinanziato dalla legge 24 dicembre 2003, n. 350 (legge finanziaria 2004);
  • 215 milioni di Euro a valere su risorse destinate a Rete ferroviaria italiana S.p.a. (RFI) - 4° addendum al Contratto di programma 2001-2005;
  • 26 milioni di Euro a valere su risorse destinate a RFI – Contratto di programma 1994-2000 (incassi successivi al 1993 di fondi dell’ Unione Europea (UE) relativi a decisioni TEN;
  • 33,3 milioni di Euro a valere su quota parte italiana di finanziamenti UE concessi (Multiannual Indicative Programme – (MIP) 2001-2006);
  • 96,7 milioni di Euro a valere su quota parte italiana di finanziamenti UE deliberati (MIP 2007-2013/studies);
  • 296,3 milioni di Euro a valere su quota parte italiana di finanziamenti UE deliberati (MIP 2007-2013/works);
  • finanziamenti comunitari TEN-T da inserire nei piani di cofinanziamento europeo successivi al 2013, stimati pari a circa 500 milioni di Euro;
  • accantonamento, ai sensi dell’articolo 55, comma 13, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, da parte della Società Autostrade del Brennero S.p.a. dei proventi da esercizio in un fondo destinato al rinnovo dell’infrastruttura ferroviaria del Brennero ed alla realizzazione delle relative gallerie, la cui quota, stimata ora pari a 400 milioni di Euro, da destinare a favore della Galleria di base del Brennero dovrà essere concordata con la medesima Società Autostrade del Brennero S.p.A.,
  • ricorso al partenariato pubblico-privato (PPP) per la realizzazione, il finanziamento e la manutenzione dell’attrezzaggio tecnologico e ferroviario, per un importo stimato di 400 milioni di Euro;

Si stabilisce come il contributo a carico dello Stato, quantificato in 1.329,7 milioni di Euro, verrà disposto secondo modalità temporali compatibili con i vincoli di finanza pubblica.

Si indica come saranno reperiti altri finanziamenti che potranno essere disponibili nei prossimi anni a fronte di un piano di azioni definito e che rientrano negli impegni programmatici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in linea con le intese raggiunte e sottoscritte nel memorandum of understanding in data 18 maggio 2009, per un importo complessivo di circa 1.533 milioni di Euro.

 

MAGGIO

Italia, Germania e Austria firmano il 18 maggio un Memorandum d'intesa sul tunnel di base del Brennero e sull'adeguamento della linea ferroviaria, con il quale si fissa il piano finanziario e la tempistica di realizzazione del progetto. 

 

Il sito utilizza cookie tecnici e analitici anonimi e di terze parti. Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni